Paolo Cenciarelli

MATERIE: Advertising, Post Production

Nato nel 1984, prende in prestito la sua prima macchina fotografica dal nonno durante il liceo; dopo essersi laureato in Disegno Industriale e Comunicazione Visiva presso La Sapienza prima Università di Roma, vira la sua strada verso la fotografia come medium per la propria ricerca. Per lo più influenzato da movimenti e realtà underground, il suo approccio alla fotografia diventa immediatamente riconoscibile e tradotto in assignment editoriali e commerciali. Ha realizzato campagne nazionali e internazionali per Nike, PlayStation, Herz, BNL, Nissan, Banca Carige, ACEA, Sony Music, SIGO, Heineken, Medusa Film, Italo Ntv, Leica, Sony Music, TBWA, Timberland, Cofely, Consap, Freddy, Toyota e Lexus ed altri grandi brand ed istituzioni.

Il lavoro di Paolo Cenciarelli è pubblicato su quotidiani e magazine quali Rolling Stone, Vanity Fair, GQ, XL di Repubblica, Elle, Elle Japan, Vice, L’Espresso, Internazionale, InsideArt, Artribune e un ‘ulteriore lungo elenco. È stato uno degli autori più giovani distribuiti dall’agenzia internazionale Grazia Neri.

Paolo Cenciarelli ha esposto la sua ricerca in due edizioni del Festival Internazionale di Fotografia di Roma FotoGrafia, esponendo al MACRO (Museo Arte Contemporanea Roma), alla Galleria Nazionale con il progetto collettivo InBetween, successivamente esposto nella rete FNAC ITALIA.

Ha presentato il suo progetto PARAPHILIA nell’esposizione FoodLoop di Milano durante l’EXPO a cura dell’agenzia internazionale LuzPhoto. Paolo Cenciarelli è stato selezionato per il progetto collettivo internazionale “Letters from a
prison” a cura di Luce. Dopo l’uscita mondiale del suo photobook VANGELO MMXVIII edito dalla casa editrice d’arte internazionale DRAGO ha esposto il suo lavoro in gallerie quali Contemporary Cluster Roma, The Don Gallery Milano, Galo Art gallery di Torino durante Artissima e, nel 2020, in un importante personale in Triennale Milano curata dal giornalista Roberto
D’Agostino.

Ha fondato la factory romana D.O.O.R., progetto che abbandona nel 2017 per fondare lo studio Thalamus Charles.
Fa parte di giurie di call ed award internazionali ed è parte integrante del progetto culturale ed editoriale Perimetro Roma. La sua ricerca è costantemente seguita da magazine di settore in pubblicazioni personali.

La fotografia dell’artista romano è un tentativo di “guardare”, un modo di mettersi in comunicazione con l’ambiente. Ci serve, infatti, una memoria istantanea, una fissazione immediata, una specie di “protesi dello sguardo” che spieghi l’uomo all’uomo, e ogni uomo a se stesso.-
Roberto D’Agostino 

Dal 2016 collabora ai corsi di laurea triennali e magistrali di Design a La Sapienza e
nell’anno accademico 2019/2020 è docente di Lettura critica dell’immagine fotografica nel
corso di laurea magistrale Design della Comunicazione Visiva presso La Sapienza Prima
Università di Roma. Odiernamente è docente presso RUFA.

Paolo Emilio Cenciarelli è coordinatore del progetto di educational di DAM photography.